Programmi tvOn demand

Parte 1

Matera, detenuto in sciopero della fame

30-06-2020

“Non posso accettare che per mantenermi in carcere i giudici si inventino fatti e reati mai avvenuti”. Lo scrive in una lettera, inviata a Telenorba, dal carcere di Matera dove è attualmente detenuto, l’ex maresciallo della Guardia di Finanza, Pietro Stabile, da più di un mese in sciopero della fame. E’ stato arrestato a Taranto ad aprile di due anni fa, assieme ad altre persone, perché accusato a vario titolo di incendi, danneggiamenti, atti persecutori e tentata estorsione ai danni di un fruttivendolo di del posto. Condannato a 4 anni e 5 mesi, pena confermata anche in appello, è in attesa del giudizio della Cassazione. Nel frattempo, però, più volte ha chiesto per il tramite dei suoi legali, gli arresti domiciliari, a Crotone, lontano dalla cittadina ionica. Richiesta sempre respinta dai giudici.

Servizio di Alessandro Boccia

Intervista a Emidio Attavilla, avvocato


Scegli la programmazione

Ultime 24 ore