Taranto, omicidio in sala giochi nel 2015: 3 condanne a 30 anni

CRONACA  |  TARANTO (TA)  -  lunedì 27 gennaio 2020 - 17:30

Riconosciuta l'aggravante della premeditazione nei confronti di Benito Potenza, ritenuto l'esecutore materiale, del fratello Cosimo Potenza e di Francesco Longobard

di Redazione Norbaonline
Taranto, omicidio in sala giochi nel 2015: 3 condanne a 30 anni

La sezione distaccata di Taranto della Corte d'assise d'appello di Lecce ha condannato a 30 anni di reclusione, nel processo bis dopo l'annullamento con rinvio da parte della Corte di Cassazione, tre imputati accusati dell'omicidio di Cosimo Denaro, di 40 anni, ucciso con un colpo di fucile a canne mozze il 6 gennaio 2015 davanti alla sala giochi al rione Tamburi che la vittima gestiva con il fratello.

E' stata riconosciuta l'aggravante della premeditazione nei confronti di Benito Potenza, ritenuto l'esecutore materiale, del
fratello Cosimo Potenza e di Francesco Longobardi, che erano stati condannati all'ergastolo con il rito abbreviato dal gup
Martino Rosati il 2 aprile 2016.

indietro

Ora in onda

Seguici su Facebook

Telenorba 40
Guarda tutti i nostri programmi che hanno fatto storia, un tuffo nel passato da rivedere dalla prima all'ultima puntata.

Programmi tv
Tutti i nostri programmi tv ora in onda, da rivedere dove e quando vuoi, sempre disponibili e sempre con te.

Informazione
Resta sempre aggiornato con tutte le nostre rubriche di informazione, moda e tendenze.

Radionorba
Rivedi i nostri speciali, dalle interviste ai tuoi artisti preferiti a Battiti live, segui i nostri speciali di San Remo e molto altro ancora.