Andria, svastica sul muro della Cattedrale. L'ira del vescovo

  |  ANDRIA (BT)  -  giovedì 23 gennaio 2020 - 11:50

"Tutti dovremmo aprire di più gli occhi su quanto sta accadendo in mezzo a noi e correre ai ripari"

di Giovanni Di Benedetto
Andria, svastica sul muro della Cattedrale. L

È stato cancellato nella mattinata il disegno con lo spray nero raffigurante una svastica comparso nella notte sul muro del torrione medievale del campanile della Cattedrale di Andria, a pochi giorni dalla celebrazione della giornata della memoria che ricorda la tragedia dell’Olocausto. Duro il commento del vescovo mons. Luigi Mansi il quale ha detto che le persone che hanno sfregiato la cattedrale, “soprattutto se son giovani, non possono nemmeno immaginare quanto dolore uomini che vestivano quel simbolo hanno provocato all’umanità, quanta cattiveria hanno sprigionato, quanto male, quanti lutti hanno provocato”. Il vescovo e i sacerdoti della diocesi hanno spiegato che “il solo pensiero che nella nostra Città ci siano persone che inneggiano a quella ideologia di vita ci riempie di dolore e di preoccupazione. Tutti dovremmo aprire di più gli occhi su quanto sta accadendo in mezzo a noi e correre ai ripari, unendo le forze nel costruire e portare avanti con convinzione itinerari educativi e formativi che aiutino i giovani a pensare al futuro in maniera costruttiva e bella, prima che sia troppo tardi. La storia insegna”. L’augurio del clero è “che coloro che hanno compiuto questo insano gesto siano presto identificati e ricevano una punizione esemplare”.

indietro

Ora in onda

Seguici su Facebook

Telenorba 40
Guarda tutti i nostri programmi che hanno fatto storia, un tuffo nel passato da rivedere dalla prima all'ultima puntata.

Programmi tv
Tutti i nostri programmi tv ora in onda, da rivedere dove e quando vuoi, sempre disponibili e sempre con te.

Informazione
Resta sempre aggiornato con tutte le nostre rubriche di informazione, moda e tendenze.

Radionorba
Rivedi i nostri speciali, dalle interviste ai tuoi artisti preferiti a Battiti live, segui i nostri speciali di San Remo e molto altro ancora.