Melfi, usura ed estorsioni: cinque arresti

  |  MELFI (PZ)  -  martedì 2 luglio 2019 - 08:43

Inchiesta della Dda di Potenza. Disposti anche 2 obblighi dimora

di Redazione Norbaonline
Melfi, usura ed estorsioni: cinque arresti

Nell'area del Vulture Melfese prestavano denaro a tassi di usura, da un minimo del 50% annuo, fino a un interesse del 20% mensile, a operai, imprenditori e professionisti, che in alcuni casi, per paura di ritorsioni, non hanno collaborato con le forze dell'ordine: sette misure cautelari - due in carcere, tre ai domiciliari e due obblighi di dimora - sono stati emesse dal gip di Potenza, Rosa Maria Verrastro, ed eseguite dalla Polizia nell'ambito di un'inchiesta della Procura di Potenza, che ha portato a nove persone indagate a vario titolo per usura, estorsione e detenzione illegale di armi da fuoco e munizioni. I particolari dell'inchiesta sono stati illustrati stamani, a Potenza, nel corso di una conferenza stampa, dal Procuratore della Repubblica Francesco Curcio, dalla pm Laura Triassi, dal dirigente della squadra mobile Donato Marano, e dal commissario Antonio Mennuti. Si trovano in carcere Antonio Ferrieri e Alessandro Patriziano; sono invece ai domiciliari Vittorio
Ferrieri, Michele Patriziano e Romeo Chingoli. L'obbligo di dimora a Melfi (Potenza) e' stato infine disposto per Santo Fabio Patriziano e Luigi Lomio. Secondo gli investigatori uno degli arrestati aveva a disposizione un'arma, di cui si sarebbe liberato prima di una perquisizione: il della pistola e' stato accertato in alcune conversazioni: il gip ha pero' escluso l'aggravante del metodo mafioso, anche se per i magistrati il gruppo agiva "in collegamento" con i clan. Proprio in riferimento alle armi, in una conversazione veniva spiegato che la pistola era stata buttata in un fiume prima di una perquisizione "tanto - come emerge da un'intercettazione ambientale - la guerra non c'e' piu'", facendo riferimento agli scontri tra i clan della zona. I soldi venivano prestati a operai e professionisti, ma anche a un medico del posto: in quest'ultimo caso la cifra e' arrivata fino a un milione di euro, con circa 20 mila euro al mese e un tasso del 20% circa ogni quattro o sei mesi. L'indagine riguarda un filone dell'inchiesta su appalti e corruzione a Melfi, che a giugno ha portato ad alcune ordinanze di custodia cautelare, tra cui i domiciliari per l'imprenditore Antonio Ferrieri. Il gruppo disponeva quindi di una forte disponibilita' economica, su cui la Procura sta ancora indagando, e alcune delle vittime - per lo piu' persone con prestiti minori da restituite - non hanno collaborato con i magistrati, venendo quindi incriminati per reticenza o false dichiarazioni al pm. "Gli usurai - ha evidenziato Curcio - a nostro avviso erano collegati con i clan della zona, e con il tessuto economico e criminale del Vulture Melfese, e gli stessi indagati, in alcune conversazioni, spiegavano alle vittime di dover rendere conto ai clan, come forma di minaccia".

indietro

Ultime 24 ore

Ora in onda

Seguici su Facebook

Telenorba 40
Guarda tutti i nostri programmi che hanno fatto storia, un tuffo nel passato da rivedere dalla prima all'ultima puntata.

Programmi tv
Tutti i nostri programmi tv ora in onda, da rivedere dove e quando vuoi, sempre disponibili e sempre con te.

Informazione
Resta sempre aggiornato con tutte le nostre rubriche di informazione, moda e tendenze.

Radionorba
Rivedi i nostri speciali, dalle interviste ai tuoi artisti preferiti a Battiti live, segui i nostri speciali di San Remo e molto altro ancora.