Paolo VI, il ricordo di Parolin

  |  TARANTO (TA)  -  sabato 22 dicembre 2018 - 18:42

Segretario di Stato a Taranto 50anni dopo visita del Pontefice

di Redazione Norbaonline
Paolo VI, il ricordo di Parolin

"Vorrei dire due parole che sgorgano del cuore. Sono colpito e commosso da questa accoglienza riservata a me e attraverso di me a papa Francesco che io rappresento e del quale intendo portare vicinanza, saluto, affetto e benedizione". Lo ha detto il cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato Vaticano, intervenendo a Taranto in
occasione del 50esimo anniversario della visita di San Paolo VI al Centro Siderurgico Italsider la notte di Natale del 1968. Il Segretario di Stato vaticano ha ricordato "il grande impatto" che ebbe la visita del Papa che per la prima volta celebro' la messa di Natale non a San Pietro ma in una fabbrica. Parolin ha benedetto il luogo in cui sorgera' un monumento dedicato a Papa Paolo VI, in piazza Suor Maria Mazzarrello nel quartiere intitolato al Santo Papa, pronunciando un breve discorso dopo il saluto del sindaco di Taranto Rinaldo Melucci e dell'arcivescovo Filippo Santoro.

"E' necessario che pubblici poteri,attori economici e societa' collaborino con spirito di reciproco servizio e con assidua costanza per individuare le migliori soluzioni possibili tenendo in debito conto salute e occupazione, produzione ed economicita'"Parolin, riferendosi al conflitto salute-lavoro che Taranto vive da diversi anni a causa della questione Ilva, ha parlato di "compito non facile, che esige l'inpegno di tutti per individuare e perseguire un equilibrio accettabile tra diritte e interessi a volte in competizione tra loro".

"Sono davvero molto contento, ha osservato il cardinale, accolto da centinaia di fedeli, di essere qui con voi in questa circostanza per celebrare i 50 anni dalla storica visita di Paolo VI, oggi san Paolo VI, compiuto all'Italsider e in altri luoghi di questa citta'. Io ero piccolo allora. Qui ci sono bambini e ragazzi che avranno piu' o meno l'eta' che avevo io. All'epoca non c'erano i mezzi di comunicazione di oggi. Ma ricordo il grande impatto che ebbe la visita del Papa che per la prima volta celebrava la messa di Natale non in Basilica vaticana per viverlo invece in una fabbrica, con tutto quello che poteva significare e la difficolta' di intendersi tra chiesa e mondo del lavoro".In quel momento "non avrei mai pensato, ha puntualizzato Parolin, che a distanza di 50 anni mi sarei trovato io a celebrare questo evento con voi. Vorrei dire qui che vogliamo fare memoria del passato.

Un monumentoricorda qualcosa che è successo nel passato, ma questo radicamento nel passato e' necessario per vivere bene il presente e proiettarsi verso il futuro prendendo lezione da quelli che possono essere stati gli errori. Le difficolta' ci sono state e ce ne saranno: e' importante guardare avanti con sguardo aperto e cuore largo di speranza". "Vorrei che la mia visita, ha concluso Parolin, servisse proprio a questo. Chi visita viene, se ne va e i problemi restano. Abbiamo bisogno di coraggio ed entusiasmo per affrontare la realta' ogni giorno. Spero che la visita serva e che questi siano momenti lieti in vista del Natale. Grazie per l'invito all'arcivescovo Santoro e a tutti voi". 

 

indietro

Ultime 24 ore

Ora in onda

Seguici su Facebook

Telenorba 40
Guarda tutti i nostri programmi che hanno fatto storia, un tuffo nel passato da rivedere dalla prima all'ultima puntata.

Programmi tv
Tutti i nostri programmi tv ora in onda, da rivedere dove e quando vuoi, sempre disponibili e sempre con te.

Informazione
Resta sempre aggiornato con tutte le nostre rubriche di informazione, moda e tendenze.

Radionorba
Rivedi i nostri speciali, dalle interviste ai tuoi artisti preferiti a Battiti live, segui i nostri speciali di San Remo e molto altro ancora.