Bari, uccise l'amante dell'ex moglie istigato da lei. Le condanne

  |  0 ()  -  venerdì 14 settembre 2018 -

Secondo i carabinieri la donna avrebbe convinto l'ex marito a commettere il reato per troncare con l'amante

di Redazione Norbaonline
Bari, uccise l

Il gup del Tribunale di Bari Rosa Anna Depalo ha condannato rispettivamente a 17 anni e a 16 anni di reclusione l'esecutore materiale e l'istigatrice dell'omicidio dell'operaio 28enne di Toritto Stefano Melillo, il cui cadavere fu trovato in un pozzo all'interno di un casolare abbandonato vicino al campo sportivo di Binetto il 13 giugno 2016. La sentenza nei confronti del 40enne Crescenzio Burdi, difeso dall'avvocato Franco Regina, reo confesso del delitto ed accusato anche di occultamento di cadavere, e della 29enne Addolorata Cuzzi, compagna della vittima ed ex moglie dell'assassino, ritenuta l'istigatrice del delitto, e' stata emessa al termine di un processo celebrato con rito abbreviato. Secondo le indagini dei Carabinieri la donna, per porre fine alla relazione con Melillo, avrebbe convinto l'ex marito ad ucciderlo. Lei lo avrebbe attirato nel campo sportivo con una scusa e poi Burdi lo avrebbe prima strangolato con una corda, poi colpito alla testa con una spranga di ferro e infine con un grosso masso causandone il decesso. Burdi si sarebbe quindi disfatto del cadavere gettandolo in una cisterna dopo aver tentato di dargli fuoco. 


Ora in onda

Seguici su Facebook

Telenorba 40
Guarda tutti i nostri programmi che hanno fatto storia, un tuffo nel passato da rivedere dalla prima all'ultima puntata.

Programmi tv
Tutti i nostri programmi tv ora in onda, da rivedere dove e quando vuoi, sempre disponibili e sempre con te.

Informazione
Resta sempre aggiornato con tutte le nostre rubriche di informazione, moda e tendenze.

Radionorba
Rivedi i nostri speciali, dalle interviste ai tuoi artisti preferiti a Battiti live, segui i nostri speciali di San Remo e molto altro ancora.