CRONACA   VEGLIE (LE)  -  venerdì 12 gennaio 2018 - 16:15

Rapinatore beccato grazie a una sigaretta

A incastrarlo le tracce biologiche lasciate su un mozzicone

di Redazione Norbaonline
Rapinatore beccato grazie a una sigaretta

In carcere per colpa (o grazie) a una sigaretta. Finisce in carcere Maurizio Leone, 41 anni, originario di Veglie ritenuto l’autore i una rapina commessa il 21 gennaio dello scorso anno ai danni di un supermercato di via De Rosis, a Lecce. A incastrarlo le tracce genetiche lasciate su una sigaretta. L'uomo, sotto la minaccia di una pistola, aveva seminato il panico nel supermercato, facendosi consegnare i circa 800 euro contenuti nel registratore, per poi dileguarsi. Prima di entrare in azione, il malfattore aveva però gettato per terra un mozzicone di sigaretta, successivamente raccolto dalla polizia. Dall'esame del reperto è stato possibile ricostruire l'impronta biologica del responsabile e, quindi, giungere al suo arresto. Le indagini si sono avvalse anche delle immagini registrate dalle telecamere di videosorveglianza presenti nella zona, grazie alle quali è stato possibile ricostruire i movimenti del rapinatore. Inoltre, gli inquirenti sono riusciti ad individuare l'autovettura a bordo della quale l'uomo aveva raggiunto il supermercato, una Renault Clio di colore bianco, parcheggiata a poca distanza dal supermercato.





Tag: rapina, dna, sigaretta

live tv e radio

I canali del Gruppo Norba in diretta

  • tn8
  • radionorba
  • radionorbatv